Dr.Acula, aka il psychovicino

Ognuno di noi ha un vicino di casa strano. Se abita in un palazzo o condominio, chiamatelo come volete, avrà un vicino di appartamento strano. Potremmo andare avanti ore a definire i vari tipi di vicinato per non parlare della definizione popolare di pazzia. Passiamo oltre.

Ho un vicino di casa strano, ma non strano in accezione uomo con i capelli lunghi negli anni ’80 in Italia, ossia delinquente, ceffo, drogato, scippatore, figlio di nessuno, senza futuro, truffatore politico et similia. Questo è alto, sopra la media anche nella media tedesca (sarà 1,90). Ha un colorito funebre, tendente al grigio chiaro quando c’è il sole, e plumbeo tipo canale della Manica quando è nuvoloso. E’ vestito in maniera normale, leggermente trasandato, coi capelli leggermente lunghi dietro che scendono oltre la nuca e corti a spazzola pungente davanti (non ha una chioma alla MacGyver ma un po’ ci si avvicina, con la volontà diciamo). Questo fenomeno controlla sempre le cassette delle lettere. Ne ha due, una ufficiale, e una con la targhetta rossa DR.ACULA. Usa la seconda cassetta come cassetta di sicurezza. All’interno una piccola torcia elettrica e a volte la macchina fotografica digitale. Come lo so? Stavo ritirando la posta e ho guardato senza pudore mentre lui trafficava lì dentro con le mani unte. Lui dice di essere un detective. Ha un problema alle gambe, le gratta sempre e sono in carne viva. Ho tenuto un gatto per 15 giorni di un mio amico, lui veniva alla finestra a parlare col gatto. Un giorno ha suonato il campanello e ha detto che anche lui ha un gatto e di stare tranquilli, perché lui è un detective e tiene tutto sotto controllo. Tra i campanelli in strada, quelli del palazzo in cui vivo, ce n’è uno con la dicitura DR.ACULA, lo sfondo è rosso. Ha un campanello collegato alle seconda cassetta delle lettere? E’ un supereroe e lo si può avvisare con quel campanello? Le domande sono molte. Le risposte poche. L’uomo misterioso abita al quarto piano e a qualsiasi ora della notte la luce è accesa. Credo non dorma, credo sia un vampiro. Inizio a credere ai vampiri.

Annunci

Affettare il prezzemolo coi droni di Amazon

Non è un articolo sulle ricette, potete stare tranquilli. Si parla comunque di cose che affettano, ossia le pale dei “quadrieliche” che tra 5 anni, stima che parte dal management di Amazon,  potrebbero rifornire alcuni clienti, in base a vicinanza ai magazzini e alti dettagli non ancora discussi, dei loro preziosissimi prodotti che a sua volta comprano da altre aziende. Il prezzo è economico perché Amazon gioca coi numeri. Non siamo qui per parlare di Amazon però, nemmeno di come sfruttavano a morte i lavoratori in Germania qualche anno fa, quando scoppiò lo scandalo che potete riprendere QUI , abbastanza insabbiato ma non abbastanza da non uscire, almeno, sulle principali testate europee.

Ma passiamo all’arnese che dovrebbe fare consegne rapidissime. Si tratta appunto di un velivolo tipo elicottero, ma con quattro eliche. La quattro eliche donano maggiore stabilità e un controllo di volo più preciso. Forniranno questi aggeggi di gps e di controllo, ovviamente, remoto.

Insomma, la cosa curiosa è che poi si potrà sparare in cielo, e non per lo sport del tiro al piattello, peraltro maledettamente difficile, ma per cacciare in modo rispettoso della fauna, senza uccidere poveri animali indifesi. Sicuramente una rosa di calibro 12 sarà sufficiente per abbattere uno di questi stupidi e inanimati velivoli. Immagino anche come vengano gestite le aree di caccia, e le eventuali sanzioni in caso di caccia Amazon.

E se invece l’aggeggio entrasse in casa in preda ad interferenze e decapitasse il capofamiglia, lì in mezzo a tutti, con zampilli di sangue ad effetto stile Sol Levante? Ci sarà una clausola per possibile decapitazione? Come disse Pacciani: “dacci un taglio”. Amazon dice anche che sarà molto ecologico, ma leggete leggete: novità volante