SPAGHETTI ALLA GHIANDOLA PINEALE, zutaten

Attenda signor Cobretti, procederemo entro breve all’estrazione della sua ghiandola pineale per desincronizzare la sua persona, seguendo le teorie medico scientifiche di Aristotele, noto barista della periferia di Caserta, abituato ad indossare canottiere di maglina e calze di lana grossa arrotolate sotto il ginocchio. Fu così che il signor Cobretti capì che la miglior pasta da comprare in Germania evitando di comprare direttamente quella di italico brand, era la pasta Alnatura, dal brand Alnatura. Pasta biologica dal prezzo inferiore ad un euro per ogni 500 grammi di pasta classica, dalle penne agli spaghetti passando per i tagliolini. Pasta buona, fatta in Italia ma distribuita con un marchio tedesco, pasta da agricoltura biologica, pasta sana.

Nunsploitations

non ti mangiare le mani, disse la madre al figlio sordomuto, mentre quello pensava a delle leccornie. Non si parla pensando alle cose golose, o belle che siano, si parla pensando al nulla. E’ dal nulla che nascono le idee, dalla tabula rasa che si instaura nella mente appena ci lasciamo cullare dalla televisione. Palinsensto dopo palinsesto, indifferentemente dal paese in cui voi siate, indifferentemente dalla lingua con cui l’ex tubo catodico vi si rivolge. In Francia, durante una manifestazione contro i gay e contro il diavolo che si insinua nella vita delle persone per bene, hanno inscenato una controprotesta dalle tinte piuttosto forti. A Berlino vi sono le dark room in luoghi insospettabili, all’internodi case private. Come territorio libero e liberato, queste controproteste non avvengono, perchè le prime vengono mal digerite da tutto. L’odio chiama l’odio. Ieri a Berlino, al mio rientro dalla vacanze culinarie tra Padova,Venezia, Trieste e Montona in Croazia, vi erano dispiegati un nutrito numero di poliziotti in girop per la metropolitana. Alcuni in assettio antisommossa altri in bikini, ce n’era per tutti i gusti. Davanti a me, nella U-Bahn, vi erano seduti tre bambini, uno di loro aveva una maglietta con la scritta Free Palestina. Giunto a casa vi era un cantiere di fronte al palazzo e il palazzo a lato era in ristrutturazione. Berlino è una città sempre in movimento, ma nello stesso tempo è estremamente statica. Non credete a quelli che dicono che è in continuo divenire, che cambia sempre, perchè rimane sempre uguale, cambiano solo aspetti esteriori. Il popolo tedesco è molto statico a livello emozionale e anche a livello di vissuto.

MORITURIS bocciato in censura, medioevo e la solita italietta

Morituris è un horror italiano auto-prodotto, che consta di un budget non irrisorio, che ha richiesto anni di sforzi, e non solo economici, per vedere la luce. Dopo aver fatto il giro del mondo in vari festival ed essere stato acquistato in varie parti del mondo, era la volta dell’uscita in sala, ma prima ci voleva il visto della censura, come di rito, come è richiesto. Morituris È stato bocciato in censura, questo significa che non uscirà in sala. Di conseguenza i diritti per il passaggio in tv avranno meno valore, ma non è solo il danno economico, è la beffa che ferisce. Come sia messo il cinema italiano di genere lo sappiamo tutti, e non vi farò leggere polpettoni dei tempi che furono e noiosità di questo genere, però lasciatemi dire che in Italia nel 2000 È uscito al cinema un film che in molti ricorderanno, si tratta di Baise Moi – Scopami, un film realizzato in Francia, che parla di due donne allo sbando in un turbine di sesso e violenza. Ebbene il film uscì nelle sale, lo ricordo bene perché lo vidi al cinema. Baise Moi annovera sequenze hard-core, pornografiche, in cui l’anatomia dell’amplesso non ha nulla di occultato. La scena in questione, quella più spinta, è durante uno stupro, in cui le due protagoniste vengono violentate da un branco di delinquenti in una fabbrica abbandonata. Morituris non ha sequenze pornografiche, ha sequenze violente, certo, ma non arriva a livelli di altri film che però sono usciti in sala. Ben lungi da tessere sterili polemiche, mi chiedo solo una cosa, era dai tempi di Totò che Visse Die Volte dei Ciprì e Maresco che un film non veniva bocciato in censura. Si dice che l’Italia sia il paese della corruzione, della mafia, degli imbrogli, dei favoritismi. Vedere tutto nero non serve a nulla, ma i problemi ci sono e i punti interrogativi creano dubbi, e i dubbi non ci mettono molto a diventare casi palpabili. Se tutti i film “forti” come Morituris fossero stati bocciati mi limiterei a dire che siamo nel Medioevo, ma quando vi sono differenze evidenti, palpabili, comprovate, si può solo dire che questa è l’ennesima prova che viviamo nel paese della vergogna.

Nicolas Cage

E’ come dire Chaos, lui, l’attore lui, è incantevole negli ultimi anni, sembra un proiettile impazzito, senza causa né obiettivi. Anarchico e distruttivo di ogni bell’apparenza attoriale.  ricordate Via da Las Vegas, per citarne uno, solo uno dei suoi film dove la sua maestria attoriale rigurgita dal suo essere. Le nubi sono plumbee oggi a Berlino, quasi plumbee come circa un anno fa, quando uscii solo per Berlino, una delle prima volte, e un elicottero solcava nervosamente il cielo a vegliare sul papa, assieme a tanta polizia come quasi non si era mai visto. Mentre le mie patate arroste si stanno rifriggendo/arrostendo nel forno io penso alla Maratona di Berlino del 2013, a cui mi sono già iscritto e che si verificherà tra poco meno di un anno.

LA NOTTE DI HALLOWEEN

A Berlino il giorno di “tuttisanti” non è festa. Perché? Perché Berlino è protestante. La notte di Halloween che esiste in Europa da una manciata di anni, a Berlino chiede le caramelle e organizza feste, ma il giorno dopo i Berlinesi, quelli che lavorano e non sono malati o in ferie, vanno a lavorare. Non c’è più rispetto nemmeno per le feste commerciali. Uscirà Sharknado, un film in cui un tornado non si limita a distruggere, ma sputa anche squali affamati. Il mio quartiere a Berlino la notte di Halloween era pieno di bambini a caccia di caramelle. Per lo più erano bambini Turchi, sembravano impegnati nel contrastare delle crociate immaginarie. Col mio coinquilino, abbiamo pensato di dare loro, al posto delle caramelle, le tavolette per la lavastoviglie, ossia il detersivo. Poi abbiamo anche pensato di dare loro caramelle con lo sturalavandino, quello liquido, quello forte, quello che lascia la bocca secca. Ma no, ci siamo detti, ad Halloween sono tutti più buoni, non è così che si dice? Ad Halloween finisce l’anno, il giorno dopo cambia la data nella zona dell’anno, molti sbagliano per i primi 2-3 mesi. E’divertente, perchè si dice che l’anno nuovo manda via quello vecchio. Non ci importa che sia un’ illusione, importa solo che cambino le cose. Pensiamoci bene però… le cose le cambia di più un anno nuovo a un tornado con dentro gli squali? Ai posteri l’ardua sentenza, come disse più volte Micheal Jackson. Ai posteri l’ardua sentenza.